Gianni Brusamolino

La linea di fondo da sempre costitutiva lo zoccolo del mio pensiero concettivo del fare arte oggi; in teoria consiste nell’utilizzo consapevole di innumerevoli e quali che siano elementi di fattività raccolti nel loro ordine reale e tangibile quali ad esempio; l’idea del naso, dell’occhio, anche delle parole, di un cavallo, di un aereo, di un oboe, di un contrabbasso, di un foglio di giornale ecc. Tutti elementi naturali e conosciuti ovvi dai più nel loro assetto pratico-funzionale-obsoleto.

Tale congerie di elementi di fattività se posizionati cognitivamente in uno spazio ideico, “è come se l’artista si avvalesse utilizzando la memoria degli -altri-“.

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

Brusamolino

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=Q4dLK7x7EVc&w=560&h=315]

back



OPEN COMMENT ARCHIVE (0)
There are no comments yet

Add Your Comment

  • MaisonSabbatini
  • hackalt