Nasce a Milano nel 1954: milanese di nascita ma cittadino del mondo di adozione.

Figlio d’arte: sua madre Eva Sabbatini è stata, infatti, una delle creatrici di moda più innovative negli Anni ‘60 e ’70. Ci piace ricordare che, sei mesi prima di Mary Quant, lanciò la minigonna e gli shorts ad una prima della Scala.

Alfredo Sabbatini nasce reporter. In America, a 17 anni, ha già fatto il primo “coast to coast” sulle orme di Kerouac e da quel momento non si ferma più. Per oltre venticinque anni gli Stati Uniti sono la sua seconda casa.

Fotografia sportiva, baseball e football americano in particolare gli affinano le capacità di concentrazione e di rapidità.

Negli Anni ‘70 fotografa il boom dei jeans (Carrera, Pooh, Levi’s) e, per settimanali come L’Europeo, Amica, Oggi, firma copertine, servizi di moda, reportage, ritratti.

A 23 anni collabora con Playboy e inizia una ricerca sul corpo e la sua forma che lo porterà a diventare uno dei più quotati e innovativi fotografi di intimo, costumi da bagno e abbigliamento sportivo di tutti gli Anni ‘80.

Gli Anni ‘90 lo completano nell’ambito dell’editoria e della comunicazione attraverso un’esperienza complessa come art director, regista e curatore di mostre.

Ancora durante questi anni con il suo obiettivo entra nel fantastico mondo della danza dove scopre quelle capacità interpretative che gli permetteranno di realizzare le sue visioni fantastiche, preferibilmente in bianco e nero.

Mostre e libri raffinatissimi rappresentano il suo linguaggio.

Nel suo teatro magico, situato a Milano Bicocca, si respira immediatamente l’arte e la creatività, la passione e la molteplicità delle esperienze multimediali di questo artista e professionista completo, unico nel suo genere.

Di lui, il grande Maestro di danza Walter Venditti ha scritto: “Le sue immagini parlano, fanno pensare, sprigionano amore e azione oltre a suscitare attrazione visiva.”

Teatro greco, dramma e commedia, sofferenza e gioia, ombre e luci. Sentimenti ed emozioni: la parata della vita attraverso l’obiettivo di Alfredo Sabbatini.

- Luisa Pattini

Intervista Nikon



OPEN COMMENT ARCHIVE (61)
  • Andy Fernanda Scillitani scrive:

    Complimentoni Alfredo!!
    che dirti mi affascini e continuero’ a seguirti.

  • Maurizio Polesi scrive:

    Che spettacolo le tue foto…M.

  • Nearco Giberti scrive:

    “Onorato di aver visto di persona….. Onorato di aver conosciuto e visto “lavorare” il Maestro e la sua ciurma è stata un’esperienza decisamente intensa di quelle poche e rare che ti fanno “vedere un pò più in là”. Il mio umilissimo GRAZIE”

  • Davide Madaghiele scrive:

    Non la conosco personalmente
    ma stimo la sua professionalità
    e le sue foto sono un’ispirazione per me:
    Uniche e incredibilmente affascinanti.

  • Alessia Crudeliat Tonon scrive:

    complimenti per il tuo talento , i tuoi lavori sono strepitosi ^_^

  • Flavia Desana scrive:

    Che foto affascinanti hai uno stile molto particolare bellissime…

  • Grazia Masdea scrive:

    “Complimenti, ammiro molto come fai il tuo lavoro…le tue creazioni, sono arte!”

  • Bini Milli scrive:

    “e mi piace un sacco…sto tizio qua’..che fa’ e non fa’ il fotografo….questa signori e’ arte..all’ennesima potenza..forza Alfredo..dritto il timone e a tutta birra……….”

  • Erika Padovini scrive:

    …entrata in punta di piedi,come in una fabbrica di cristalli,avendo la consapevolezza che in quel posto non si dovesse far rumore…per non destare i folletti che vi abitano…e non so se mi hanno guidato i miei piedi o i miei occhi…occhi attenti,che scrutavano affascinati,affamati…occhi di “visionaria”i miei che si sono nutriti di bellezza per farne tesoro e custodirla nella memoria.Una liberazione emozionale…un luogo che ti fa sentire al sicuro…così grande ma così avvolgente….un abbraccio…un sorriso di terre lontane,caldo,coinvolgente…una condivisione inaspettata e la certezza che la LIBERTA’ non è soffocata dalle sbarre…è tenuta al sicuro semmai…le sbarre la proteggono dal mondo esterno…spietato…non un teatro magico:una voliera dell’anima.Grazie…..

  • Janis Spiel scrive:

    il vostro lavoro è fantastico.
    Janis

  • Marco scrive:

    Ti ho ascoltato per la prima volta oggi a Moncalieri ….
    ….un grande!
    Grazie.

Add Your Comment

  • MaisonSabbatini
  • hackalt